FAST ANIMALS AND SLOW KIDS

Open Act: LA NOTTE


venerdì 9 febbraio
21:30
contributo 15.00 €
live
Evento Facebook
Prenotazione Evento
Fast Animals and Slow Kids Forse lo è davvero | Tour finale
Open Act: La Notte

I Fast Animals And Slow Kids tornano al Karemaski per la conclusione del tour di “Forse non è la felicità”, dove spazieranno nella loro discografia completa.

“Torniamo sui palchi. In fondo è tutto molto semplice.
Grandissime congetture, enormi strategie di marketing d’assalto, complessi studi mediatici ma la verità è che ci manca semplicemente il palco e vogliamo suonare fino a perdere il respiro, fino all’ultima goccia di sudore, prima che il tempo possa farci perdere tutta la rabbia che mettiamo in ogni singola nota.

Fast Animals And Slow Kids. Dieci date, Febbraio e Marzo. 

Ci fermiamo quando nasce la primavera, poco prima che arrivino le rondini. Questo tour lo dedichiamo a tutti coloro che sono stati (e che saranno) con noi in questo percorso sempre in salita, fatto di concerti sotto la pioggia, concerti di fronte al mondo e di fronte al nulla, di furgoni, di Autogrill, di ospedali, di sbagli, di corde rotte e cuori spezzati. Saranno 10 date importanti e diverse. 

Nuovi suoni, nuove scalette, pezzi vecchissimi e pezzi attuali, metteremo dentro tutto quello che abbiamo nascosto nei ricordi per tanto tempo, nella piccola speranza che ogni serata possa diventare una fotografia più realistica possibile di ciò che siamo oggi, una fotografia che rimarrà per sempre impressa nella nostra memoria.”


La Notte è una giovane band fiorentina. “Volevo fare bene” è il loro nuovo album uscito il 19 gennaio per Woodworm Label (distr. Music First/ Audioglobe). La band è stata candidata al Premio Tenco come miglior Opera Prima 2016 raccogliendo favori di pubblico e critica.

“Volevo fare bene” è un disco che colpisce per le molteplici sfaccettature che si rivelano nello scorrere delle dieci tracce, una raccolta di canzoni intime – “un viaggio all’interno dei miei pensieri” nelle parole del frontman Yuri Salihi – che racchiudono quella luce propria di chi è in grado di scavare a fondo con naturale semplicità: “Io volevo fare bene per me, per noi. Ma l’ho fatto? Ho fatto bene o ho sbagliato qualcosa? Posso e possiamo sempre dare di più.”